La mia prima volta
Ecco anche la tua
© Natolibero.it 2014
In una detestabile Panda Avevo   17   anni   appena   compiuti,   una   vita   normale   alle   spalle,   fatta   da   un   buon   corso   di   studi   e   la testa   -   tutto   sommato   -   a   posto.   Nel   senso   di   non   essermi   buttata   via   col   primo   venuto,   come avevano invece fatto - pentendosene poi amaramente - altre mie amiche. In   effetti,   tutte   noi   desideriamo   che   la   nostra   prima   volta   sia   colma   di   romanticismo,   tenerezza,   con il   ragazzo   che   amiamo,   il   ragazzo   perfetto,   quello   che   ti   fa   sentire   a   tuo   agio   e   che   ti   riempie   di coccole… Beh,   anche   io   l'ho   sempre   immaginata   in   questo   modo.   Ma   alla   fine   non   mi   è   andata   poi   molto diversamente   da   chi   s'è   facilmente   concessa   alla   prima   occasione,   e   così   mi   è   capitato   il   solito stronzo. Ero   riuscita   ad   attendere   fino   a   quel   momento,   spesso   non   mi   capacito   neppure   come   sia   riuscita   a farlo, bombardata quotidianamente da una selva di ormoni dentro e fuori di me. Infatti,   oltre   alla   grande   voglia   di   conoscere   tutti   i   segreti   celati   dal   mio   corpo,   soddisfacendomi parzialmente   tra   le   quattro   mura   della   mia   cameretta,   ero   messa   a   dura   prova   dai   maschietti   che   mi contornavano: compagni di classe, amici della comitiva, persino cuginetti e amici di mio fratello. Insomma   era   una   vera   e   propria   guerra   che   combattevo   ogni   santo   giorno,   una   sorta   di   resistenza   ad oltranza,   che   per   contro   mi   facevano   apparire   più   sfigata   che   virtuosa   agli   occhi   delle   mie   amiche più esperte. Non   che   volessi   arrivare   all'altare   ancora   perfettamente   integra,   e   molto   fuori   moda,   ma   piuttosto l'idea   di   compiere   quello   straordinario   passo   con   la   persona   giusta.   Non   l'amore   della   vita,   non   ero così   ingenua   del   tutto,   ma   con   un   ragazzo   sincero,   in   grado   di   farmi   sentire   a   mio   perfetto   agio   nel momento in cui, per antonomasia, si diventa grandi. Fu   così   che,   forse   spinta   dallo   spirito   di   emulazione   verso   le   mie   amiche,   che   si   guardarono   bene   dal mettermi   in   guardia   rispetto   alle   loro   squallide   esperienze,   o   per   pura   ingenuità,   decisi   che   poteva essere finalmente giunta la mia ora. È   successo   in   una   sera   d'estate,   eravamo   amici   da   tre   anni,   ma   fra   noi   c'è   sempre   stata   una   forte attrazione fisica. Lo   capivo   benissimo   da   come   mi   stringeva   ogni   qualvolta   ci   incontravamo   con   le   nostre   rispettive comitive,   o   quando   mi   faceva   venire   i   brividi   poggiando   le   sue   labbra   sulle   mie   guance   in   un   saluto che dimostrava molto di più di un normale gesto d'amicizia. Probabilmente   mi   desiderava   molto,   e   ci   godeva,   forse   perché   aveva   capito   che   ero   ancora   vergine, nel   vedermi   imbarazzata   quando   ci   capitava   di   assistere   alle   molto   eloquenti   effusioni   che   spesso sorgevano spontanee in altre coppie di amici. Accadeva   a   volte   di   andare   a   bere   qualcosa   assieme.   Lui   sempre   con   la   sua   solita   birra,   io   ad ordinare   l'ennesima   coca.   Nonostante   le   sue   insistenze   non   mi   sono   mai   fatta   convincere   a   bere alcolici, anche se ricordo che una volta dovetti per forza bere un sorso della sua birra: "Almeno assaggiala", disse con aria spavalda. "Puà… - risposi subito dopo averla provata - ma come fai a berla? E poi tutto quel boccalone!". Mi   rispondeva   con   un   disarmante   sorriso,   spesso   un   po'   bevuto,   con   gli   occhi   lucidi,   alzando   il bicchiere   alla   mia   salute   e   rispondendomi   vigliaccamente:   "Ne   riparleremo   quando   sarai   diventata più grande!". Più   eloquente   di   così   non   poteva   essere.   Fu   la   controprova   che   lui   sapesse   della   mia   assoluta mancanza di esperienza in termini di rapporti completi. Comunque   mi   era   molto   simpatico,   ed   è   per   questo   motivo   che   decisi   che   se   una   prima   volta   doveva prima o poi esserci, poteva essere con lui. Quel   fatidico   giorno   non   era   la   prima   volta   che   uscivamo   insieme   col   suo   pandino.   La   Panda   dei   suoi, tanto   per   essere   precisi,   perché   come   noi   tutti   pure   lui   era   uno   studente   squattrinato,   pieno   di sogni, idee, propositi, ma momentaneamente - come si diceva - ancora a terra. Ci   teneva   ad   accompagnarmi   a   casa   sempre   per   ultima,   e   ciò   nonostante   la   mia   abitazione   fosse   più vicina a quella del resto della comitiva. Davanti al mio portone spegneva sempre il motore: "Così non ci facciamo buttare secchi d'acqua", diceva. Ridevo   sempre   quando   se   ne   usciva   con   quella   solita   frase,   e   gli   rammentavo   che   forse   un   secchiello d'acqua fredda in certi frangenti gli avrebbe anche fatto del bene! A   quel   punto   era   lui   a   mettersi   a   ridere   e   così,   sciolto   l'iniziale   imbarazzo,   avvicinava   le   sue   labbra alle mie e ci si scambiava qualche dose di ormoni ad occhi chiusi. Qualche   minuto   di   sano   allenamento   con   le   nostre   lingue   che   si   esploravano   a   vicenda.   Poi   tutto, come   in   un   copione   scritto,   terminava   appena   le   sue   mani   iniziavano   a   volersi   intrufolare   più   del dovuto. Era   il   segno   che   mi   faceva   rapidamente   staccare   da   lui,   ringraziarlo   per   la   stupenda   serata,   bacetto di buonanotte… e via. Credo   di   averlo   fatto   impazzire   spesso,   vedendolo   così   eccitato   doversi   interrompere   di   colpo.   Non oso   immaginare   come   poi   sia   potuta   proseguire   la   cosa   da   solo,   a   tu   per   tu   col   suo   coso   nel   suo bagno    di    casa,    come    una    volta    addirittura    arrivò    a    confidarmi    sperando    in    una    concessione supplementare. Ma    io    non    avevo    mai    ceduto.    Penso    per    paura.    Ma    anche    perché    non    mi    ritenevo    ancora completamente pronta. Non    fino    a    quella    sera    in    cui    gli    chiesi    io    di    vederci    e    lui,    senza    esitare,    accettò    con    molto entusiasmo! Abbiamo   passato   una   bellissima   serata,   ma   tornando   a   casa   questa   volta   si   fermò   in   un   posto abbastanza isolato e poco illuminato vicino casa mia. Io,   rimanendo   sempre   sulla   difensiva,   mi   sono   accesa   una   sigaretta   e   ho   iniziato   a   parlare   di   cose   a caso, cose che neanche avevano un senso per quanto ero nervosa! Tra   me   e   me   dicevo:   ecco,   non   dovevo   essere   così   sfrontata.   Dovevo   aspettare   che   mi   invitasse   lui, come   sempre.   Forse   l'ho   illuso.   Ma   che   dico.   Sono   io   che   sono   partita   col   volerlo   fare   proprio   questa sera! In   realtà   m'ero   alquanto   pentita,   come   spesso   accade   quando   si   è   messi   di   fronte   all'evidenza.   E l'evidenza   era   che   lui   aveva   ben   compreso   che   quella   sera   io   fossi   disponibile   a   fare   l'amore   con   lui, e   non   s'era   certo   fatto   degli   scrupoli,   nonostante   avesse   certamente   capito   che   si   potesse   trattare della mia prima volta. Mentre   parlavo,   parlavo   e   parlavo,   sempre   più   nervosamente,   mi   avvicinò   una   mano   alle   labbra, sussurrandomi: "C'è qualche cosa che posso fare per farti smettere?". Neanche   il   tempo   di   una   risposta   che   lui,   fulmineamente,   si   avvicina   e   mi   bacia…   e   proprio   lì   è scattata la chimica… un bacio tira l'altro, io che non ci sono più con la mente e la razionalità… Abbassa   il   mio   sedile   e   si   mette   su   di   me,   baciandomi   come   mai   aveva   fatto   prima   e   tenendomi teneramente la testa fra le mani. Abbiamo   continuato   a   baciarci   e   quando   mi   stringeva   sentivo   come   se   volessi   di   più…   ma   anche   come non ne fossi ancora del tutto sicura e soprattutto pronta! I   suoi   propositi   erano   invece   chiari   da   molto   tempo.   E   quella   sera   sfoderò   tutte   le   sue   arti   amatorie per farmi eccitare sempre di più. La   sua   mano   era   finalmente   libera   di   esplorarmi   ovunque,   e   deve   essersi   presto   accorto   che   avevo   le mutandine bagnate, visto che abbandonò rapidamente i preliminari. Mi   sfilò   i   jeans   con   maestria.   Non   era   il   capo   d'abbigliamento   ideale   per   una   prima   volta,   ma   forse anche   in   quel   modo   il   mio   inconscio   voleva   trasmettermi   tutta   la   sua   preoccupazione,   e   darmi l'ennesimo segnale di stop. Non   ne   ebbi   però   la   forza,   e   così   come   erano   volati   via   i   pantaloni,   mi   furono   sfilati   di   colpo   anche gli slip. Ad   un   certo   punto   l'ho   visto   armeggiare   nel   tentativo   -   non   facilissimo   in   quella   posizione   -   di liberarsi pure lui dei suoi indumenti. Ormai   ero   travolta   dai   sensi,   e   pensavo   solo   ad   accarezzargli   i   capelli,   alla   ricerca   di   qualche   parola dolce, di un semplice gesto di amore, quello vero e tanto sognato. Invece    lui    continuava    a    baciarmi    come    se    volesse    quasi    impossessarsi    della    mia    bocca,    e    nel frattempo   continuammo   freneticamente   a   spogliarci   a   vicenda.   Ricordo   che   lui   mi   ha   strappato   i bottoni   della   camicia,   mentre   io   cercavo   di   togliergli   delicatamente   la   maglietta,   poi   ha   tirato   su   il reggiseno   senza   neppure   provare   a   slacciarlo,   e   in   pochi   minuti   dal   semplice   petting   siamo   passati   al sesso. Senza una parola, con un egoismo inimmaginabile nei miei confronti. Ogni   volta   che   spingeva   dentro   di   me   provavo   un   male   assurdo   e   mentre   lui   ansimava   e   provava piacere   io   guardavo   fuori   dal   finestrino   e…   mi   veniva   quasi   da   ridere!   Che   assurdo,   pensavo.   E' questo l'amore? Ma è proprio questo? La   cosa   che   più   mi   ha   deluso   è   che   lui   non   ha   fatto   niente   per   farmi   sentire   a   mio   agio,   o   comunque per farmi sciogliere. Sì,   ok.   L'attrazione,   la   chimica,   c'erano,   ma   una   ragazza,   almeno   io   per   quanto   avessi   sognato   una prima   volta   speciale,   non   ha   bisogno   solo   di   questo   per   rilassarsi   e   per   poter   provare   un   minimo   di piacere. Quando   ha   finito,   staccandosi   di   colpo   da   me,   si   è   buttato   con   il   tipico   senso   di   appagamento maschilista sul sedile di guida, senza neanche dire una parola. Quei   minuti   di   silenzio   m'apparvero   interminabili,   e   devo   dire   sinceramente   incomprensibili,   anche perché   mi   sarei   sicuramente   aspettata   -   e   meritata   -   qualche   parolina   dolce   dopo   quella   cavalcata che m'aveva ridotto uno straccio, fisicamente e moralmente parlando! Invece    si    ricompose    di    tutta    fretta,    come    se    avesse    un    altro    appuntamento    a    cui    giungere velocemente,   e   per   fare   prima   mi   passò   uno   ad   uno   tutti   i   miei   indumenti,   slip,   maglietta   e finalmente   quella   che   doveva   essere   la   mia   cassaforte:   i   famigerati   jeans,   ormai   ridotti   una   sorta   di tessuto spiegazzato come se fossero stati fatti saltare con l'esplosivo. Mi   accompagnò   subito   davanti   al   mio   portone,   e   ancora   inspiegabilmente   senza   proferir   parola,   con lo   sguardo   fisso   davanti   al   parabrezza   con   la   precisa   volontà   di   non   incrociare   il   mio   sguardo,   mi fece solo un cenno di saluto con la mano destra alzata. Stronzo, dissi fra me e me, e per sfregio gli sbatto la portiera con violenza. Lo vedo sgommare e andare via di corsa, come un ladro. Un   ladro   che   s'è   portato   via   una   parte   importante   di   me,   pensavo.   Mai   farlo   con   gli   amici,   mi   dicevo, ora infatti non ci saremmo più nemmeno salutati, e forse anche rivisti. Di   quella   sera   ricordo   un   cielo   scuro   del   primo   imbrunire,   gli   squallidi   interni   dell'auto   ed   un   gran male. Mi   ricordo   di   questo   idiota   che   mi   aveva   illusa   con   il   suo   fare   da   bravo   ragazzo   e   che   invece   puntava ad un solo obiettivo, farsi l'ennesima ragazza da aggiungere al proprio palmares. Un   tipo   che   aveva   la   classica   spinta   testosteronica   capace   di   zittire   le   domande   sul   rispetto   che avrebbe dovuto avere per una ragazza come me. Ero   finita   in   quell'auto   senza   un   serio   motivo,   forse   solo   con   un   bagaglio   di   desiderio   d'amore   e   di voglia   di   sentirmi   apprezzata.   Ricordo   di   essere   uscita   da   quell'auto   con   le   gambe   che   mi   tremavano, con il mio bagaglio di sogni distrutto, con un senso di vuoto e di preziosità gettata al vento. Non c'è che dire, è stata una vera e proprio delusione. Ho   poi   deciso   di   vivere   le   mie   prossime   volte   al   meglio,   senza   farmi   condizionare   dalla   mia   orrenda prima   esperienza.   Per   questo   motivo,   quando   è   successo   in   seguito,   ho   chiesto   al   mio   ragazzo   di comportarsi come se io fossi ancora vergine e di farmi rivivere questa esperienza ancora una volta… È   stato   stupendo.   Fare   l'amore   quando   c'è   sentimento   ti   fa   provare   delle   emozioni   e   delle   sensazioni che una scappatella non ti potrà mai dare!
(*)   Sono   consapevole   che   la   storia   che   scriverò,   che   rimarrà   completamente anonima ,   potrà   essere   pubblicata   su   questo   sito   web   e   utilizzata   per   fini   di   studio e/o letterari. Pertanto rinuncio a qualsiasi diritto o royalty per quanto da me inviato.
Natolibero.it
Informazione e Opinione