La mia prima volta
Ecco anche la tua
© Natolibero.it 2014
Nel cuore di Leo Un giorno come tanti altri, ma per noi un giorno speciale. Primo Aprile. No, non è uno scherzo! Era il nostro anniversario. Forse in effetti era nato tutto così, per gioco. Eravamo   con   una   comitiva   di   amici,   la   classica   festicciola   in   casa   di   coetanei,   tutti   tredicenni,   in procinto di concludere le scuole medie inferiori per affrontare il grande passo delle superiori. Cogliendo lo spirito di quella giornata ci mettemmo a farci scherzi l'un con l'altro. Cose   bambinesche,   come   attaccare   bigliettini   con   disegnato   il   classico   pesciolino   di   aprile   sulle spalle del malcapitato da deridere. Quello   che   era   stato   incollato   alla   mia   maglietta,   però,   era   molto   particolare,   perché   rappresentava un pesciolino innamorato, pieno di cuoricini, all'interno dei quali era scritto ripetutamente ti amo. Pensai   subito   allo   scherzo   di   qualche   buontempone.   Poi,   invece,   m'accorsi   dello   sguardo   languido   di Leo, che diceva molto più delle parole. Fu   un   attimo.   I   nostri   occhi   si   fissavano   e…   lontani   da   sguardi   indiscreti   ci   scambiammo   il   nostro primo   appassionato   bacio   nel   bagno   di   quella   casa.   Ne   uscimmo   mano   nella   mano,   determinati   a   non nascondere anche agli altri che ormai ci eravamo messi insieme. Dopo   un   anno   di   rapporto   fatto   di   amici,   liti,   coccole,   presenze   e   assenze,   e   dopo   due   anni   di frequentazione   dove   per   lui   esistevo   solo   io   e   per   me   solo   lui,   siamo   arrivati   insieme   a   un   passo importante. Due   ragazzini   di   15   anni   che   non   sanno   bene   cosa   fanno.   Ma   io   lo   amavo   e   lui   amava   me,   di   questo ne sono certa. Del   resto   avevamo   cercato   in   tutti   i   modi   possibili   di   ovviare   al   rapporto   completo   con   i   metodi   e sistemi che conoscevamo. I   nostri   corpi   avevano   già   provato   sensazioni   indescrivibili,   e   conoscevamo   reciprocamente   molto bene le nostre nudità, ormai esplorate in lungo e in largo. Spesso   ci   sdraiavamo   nudi   uno   accanto   all'altro,   rigorosamente   quando   i   suoi   genitori   si   trovavano fuori casa per lavoro, e ci sfioravamo ad occhi chiusi. Era   bellissimo.   Era   come   assaporare   i   rispettivi   corpi   con   le   sole   estremità   delle   dita.   Leggerli   in   una sorta   di   alfabeto   braille   in   cui   esisteva   solo   la   parola   amore.   Cogliere   il   fremito   del   piacere   al   solo sfioramento dei punti più eccitanti. Sentire l'altrui eccitazione soffermandoci dolcemente sui sessi. Il   passo   che   ci   portò   poi   rapidamente   alla   nostra   decisione   finale   fu   quando   ci   masturbammo   a vicenda.   Prima   lui,   che   mi   procurò   il   mio   primo   orgasmo   con   le   dita.   Poi   io   che,   sdraiata   accanto   a lui,   glielo   tenevo   in   pugno   stretto   stretto   mentre   lui   muoveva   il   bacino   su   e   giù,   prima   piano   e   poi sempre   più   convulsamente   fino   a   raggiungere   il   piacere   con   una   eiaculazione   che   arrivò   un   po' dappertutto   in   quella   stanza.   E   come   mi   avevano   confidato   alcune   amiche,   anch'io   provai   un   po'   di schifo nel ritrovarmi con la mano completamente inondata da quel liquido appiccicoso. Giunti   a   quel   punto,   non   ci   mancava   che   un   ultimissimo   breve   passo   per   farlo   la   prima   volta, sentendoci finalmente una cosa sola. Mi   ricordo   che   ne   parlammo   a   lungo,   perché   ritenevamo   entrambi   che   si   trattasse   di   qualche   cosa   di speciale, che non avremmo potuto - e dovuto - vivere alla leggera. Ognuno   per   proprio   conto,   quindi,   ci   informammo   con   i   canali   ed   i   mezzi   a   disposizione   -   amici   e internet in particolare - su come rendere il più speciale possibile quella prima esperienza. Leo   la   preparò   nei   dettagli:   cenetta   a   lume   di   candela   in   un   locale   molto   carino,   in   cui   parlammo   del più   e   del   meno   tradendo   qua   e   là   anche   un   po'   di   emozione.   Poi   una   romantica   passeggiata   a   piedi mano nella mano fino a casa sua, lasciata libera dai suoi per i soliti impegni di lavoro. Da   buon   figlio   unico   non   doveva   neppure   preoccuparsi   di   avere   intorno   eventuali   rompiballe,   come accadeva invece spesso a me con due fratelli più piccoli pronti a fare la spia. Quando   mi   spalancò   la   porta   della   sua   cameretta   non   la   riconoscevo   più:   vi   era   un   ordine   mai   visto prima,   tutto   perfettamente   lindo   e   pulito,   ma   soprattutto   il   mio   amore   aveva   cosparso   sul   suo lettino degli stupendi petali di rosa. Conosceva   perfettamente   i   miei   gusti,   e   quindi   sapeva   bene   che   la   rosa   è   il   mio   fiore   preferito.   per lì fui molto felice di non amare particolarmente l'agrifoglio!!! Glielo dissi, tanto per stemperare l'iniziale imbarazzo, e così scoppiammo entrambi a ridere. Senza   alcun   preavviso   mi   volle   prendere   in   braccio,   e   mi   adagiò   con   una   dolcezza   incredibile   sul letto. Poi   ci   colse   un   turbinio   di   emozioni,   una   dietro   l'altra,   che   ci   trascinò   in   un   vortice   senza   fine   fatto di baci, carezze, scambio di amorosi sensi ed in men che non si dica lo sentii dentro di me. La   mia   prima   volta   non   saprei   descriverla   altrimenti,   ma   so   che   è   stata   meravigliosa,   emozionante,   e l'amore che provavamo usciva e cresceva sempre di più. Sono   contenta   che   la   mia   prima   volta   sia   stata   con   lui,   dentro   il   suo   cuore,   anche   se   poi   -   come capita   spesso   -   le   nostre   strade   si   divisero:   piccole   e   grandi   incomprensioni:   il   suo   primo   tradimento "Tanto per provare nuove esperienze" - si giustificò - inoltre due indirizzi scolastici diversi… Ora siamo entrambi fidanzati con altre persone. Dopo quattro anni da quella fatidica sera i ricordi sono però sempre vivi in me, sempre presenti. Come   è   presente   lui,   di   nascosto. Ancora   oggi   lo   vedo   e   sento   un   brivido   ogni   volta   che   mi   abbraccia, che mi sfiora. Ci   siamo   fatti   tanto   male,   ma   ora,   col   tempo,   quell'odio   verso   di   lui   per   tutto   il   male   che   mi   aveva fatto   si   è   attenuato,   è   stato   scavalcato   dai   bei   ricordi   e   dal   bene   che   Dio   solo   sa   quanto   gliene voglio. Penso   alla   sua   ragazza,   e   al   mio   ragazzo,   e   mi   dispiace   per   loro   che   non   si   meritano   di   essere   a   loro volta traditi. Ma questo amore, il primo amore, per noi è troppo importante.
(*)   Sono   consapevole   che   la   storia   che   scriverò,   che   rimarrà   completamente anonima ,   potrà   essere   pubblicata   su   questo   sito   web   e   utilizzata   per   fini   di   studio e/o letterari. Pertanto rinuncio a qualsiasi diritto o royalty per quanto da me inviato.
Natolibero.it
Informazione e Opinione