© Natolibero.it 2014
La prima volta non si scorda mai! Quante   volte   ce   lo   siamo   sentiti   ripetere.   E   quanti   lo   avranno   effettivamente   riscontrato   nella propria esperienza personale! In   effetti   non   c'è   nulla   come   il   fare   l'amore   per   la   prima   volta   che   ti   possa   rimanere   impresso,   come un segno indelebile, nel cuore e nella mente. Con le opportune distinzioni, in realtà. Infatti   ci   sono   prime   volte   stupende,   e   prime   volte   orribili;   prime   volte   che   ti   fanno   tornare   alla mente splendide emozioni, e prime volte che ti riportano ad incubi mai completamente superati. Rispetto   ad   ogni   altra   prima   esperienza,   la   prima   volta   in   cui   si   fa   l'amore   racchiude   qualcosa   di diverso,   di   non   comparabile,   di   straordinario,   e   riveste   nel   contempo   un   carattere   di   eccezionalità che ne fa un elemento essenziale - e irrinunciabile - della nostra vita. In   tema   di   ambientazione   si   assiste   spesso   al   nascere   del   primo   amore,   e   quindi   dell'occasione   di vivere la propria  prima volta, nella stagione estiva. L'estate   riveste   per   antonomasia   uno   dei   periodi   migliori   per   tutta   una   serie   di   ragioni,   che   vanno dalla   spensieratezza,   alla   possibilità   di   stringere   nuove   amicizie,   dal   go-dimento   di   parecchio   tempo libero,   alla   visione   delle   altrui   nudità   in   spiagge   e   piscine,   ciò   comportando   in   età   adolescenziale   un poderoso aumento ormonale che scatena reciproche attrazioni fisiche. La    prima    volta    tutti    se    la    immaginano    "rose    e    fiori",    piena    di    amore,    di    voglia    di    scoprire    e soprattutto di diventare grandi. La   prima   volta,   invece,   può   anche   essere   il   risultato   di   una   raccapricciante   violenza,   a   volte premeditata, che snatura completamente il vero significato dell'atto di amore per eccellenza. I   più   fortunati   ricordano   la   loro   prima   volta,   anche   se   spesso   avuta   con   persone   diverse   dal   futuro partner,   con   immensa   gioia,   soprattutto   convinti   che   si   sia   trattato   della   persona   giusta,   al   momento giusto, nel posto giusto. Certo,   fare   l'amore   in   tali   condizioni,   pur   nell'inesperienza   della   prima   volta,   è   senza   ombra   di dubbio inebriante, e non farà più dimenticare quegli attimi preziosi della propria vita. Ora,   se   vuoi,   puoi   approfittare   di   questo   spazio   per   raccontare   la   tua   prima   volta.   Nel   più   assoluto anonimato, naturalmente. Leggi i racconti  pubblicati. (*)   Sono   consapevole   che   la   storia   che   scriverò,   che   rimarrà   completamente   anonima ,   potrà   essere   pubblicata   su questo   sito   web   e   utilizzata   per   fini   di   studio   e/o   letterari.   Pertanto   rinuncio   a   qualsiasi   diritto   o   royalty   per   quanto   da   me inviato.
Per vivere la prima volta nella maniera giusta bastano pochi essenziali ingredienti... Quando   pensiamo   alla   nostra   prima   volta,   non   facciamo   l’errore   di   pensare   a   qualche   cosa   che   va   fatta   in   qualche   modo   perché   tanto tocca   a   tutti   prima   o   poi…   Oppure   ad   un   obbligo   per   non   deludere   il   partner,   solitamente   maschile…   Oppure   ancora      solo   per   fare   una semplice esperienza, in modo da non trovarsi spiazzati quando la si intende poi vivere con la persona giusta. Soprattutto non si abbia fretta, ma neanche troppa razionalità. Insomma,   detta   così   sembrerebbe   tutta   una   complicazione!   In   realtà   vivere   la   prima   volta   nella   maniera   giusta,   e   non   meccanicamente parlando, è la cosa più semplice che esista al mondo. Bastano pochi essenziali ingredienti. L'innamoramento Il   trasporto   che   si   prova   verso   l'altra   persona   deve   essere   totale   ed   incondizionato.   Si   deve   sentire   il   vero   amore,   quello   che   ti   fa rimbombare   dentro   al   cuore   l'eco   della   felicità,   della   gioia   immensa,   che   di   lì   a   poco   potrà   trasformarsi   nell'apoteosi,   nel   tripudio   dei   sensi. Un   amore   che   non   deve   necessariamente   essere   corrisposto   -   e   non   scanda-lizziamoci   per   questa   affermazione   -   perché   la   delusione   è sempre   in   agguato.   Quindi   si   parta   sempre   dal   concetto   che   in   quel   preciso   istante   dobbiamo   essere   in   ogni   caso   noi   -   e   solamente   noi   - che vogliamo finalmente vivere la nostra prima volta. La persona giusta Quante   volte,   e   soprattutto   dai   partner   maschili,   si   è   sentita   -   più   o   meno   pressantemente   -   la   richiesta   di   farlo.   E   quante   volte   lo   si   è   fatto per   non   rischiare   di   venire   lasciati,   o   di   risultare   troppo   antiquati,   o   -   ancora   peggio   -   essere   tacciati   di   non   amare   abbastanza.   Quando invece,   in   definitiva,   si   trattava   forse   soltanto   di   non   essere   ancora   pronti,   e   questo   semplicissimo   diritto   non   veniva,   diciamo   così,   colto nella   maniera   giusta.   Quindi,   tanto   per   ricollegarci   con   quanto   detto   in   precedenza,   la   persona   giusta   è   quella   di   cui   ci   sentiamo innamorati in quel preciso momento. Nessun'altra persona è nel diritto di chiederci la cosiddetta prova d'amore. Il luogo Non   tutti   hanno   la   fortuna   di   avere   a   disposizione   un   posto   in   cui   fare   l'amore   con   la   serenità   e   la   tranquillità   neces-sarie.   A   maggior ragione   quando   si   tratta   di   farlo   per   la   prima   volta.   Certamente   ciò   può   influire   sostanzialmente,   sia   in   termini   positivi   che   negativi,   quindi   - ahinoi   -   si   dovrebbe   necessariamente   attendere   anche   l'occasione   più   propizia.   La   prima   volta   in   auto,   o   in   un   luogo   comunque   esposto al   possibile   rischio   di   essere   scoperti,   non   è   assolutamente   consigliabile.   Meglio   farlo   fra   quattro   mura,   in   casa,   quando   si   è   certi   che   non arrivi   nessuno   a   rompere…   quella   magica   atmosfera.   E   sarebbe   anche   molto   carino   predisporre   nella   maniera   che   si   ritiene   più   indicata la   stanza   che   accoglierà   il   nostro   primo   indimenticabile   atto   d'amore.   Magari   con   luci   soffuse,   al   bando   il   buio   completo,   un   buon   profumo - inebriante - nell'aria. La lucidità Non   è   un   controsenso,   come   sembrerebbe   di   primo   acchito.   In   questo   caso,   infatti,   ci   si   riferisce   alla   lucidità   delle   emozioni,   e   non   a quella   della   mente.   Inoltre,   alcolici   -   e   tanto   meno   quelli   super   e   strane   pasticche   -   devono   essere   assolutamente   messi   al   bando.   Primo perché   verrebbero   sicuramente   meno   i   presupposti   di   fare   bene   e   con   coscienza   l'amore,   e   poi   perché   a   fronte   di   un'apparente   trasporto emozionale   si   correrà   anche   il   serio   rischio   di   non   ricordarci   nemmeno   ciò   che   abbiamo   fatto…   e   magari   anche   con   chi   l'abbiamo   fatto! Una vera e propria debacle su tutti i fronti. Quindi viviamo il nostro fare l'amore sentendone e respirandone a pieni polmoni ogni passo. La modalità Fare   l'amore   -   in   generale   -   non   dovrebbe   essere   scambiato   volgarmente   con   lo   “scopare”.   Evidentemente   si   tratta   di   due   cose   ben distinte,   non   bisogna   essere   dei   pozzi   di   scienza   per   comprenderlo.   Fare   l'amore   poi   per   la   prima   volta   non   può   -   e   non   deve   - confondersi   con   la   pratica   del   sesso   fine   a   se   stesso.   Sarebbe   come   mischiare   il   buon   vino   con   l'acqua   fresca,   col   risultato   di   non   poterne né   assaporare   il   gusto,   né   soddisfare   pienamente   la   propria   sete.   Legittimamente   -   certo   -   si   può   fare   sia   l'una   che   l'altra   cosa,   ed esserne   anche   soddisfatti,   per   carità,   ma   ciò   sarebbe   un   vero   peccato   ed   un   grave   errore   nel   caso   della   nostra   prima   volta.   Quindi   reputo necessario,   pur   con   la   spontaneità   che   richiede   quel   bellissimo   momento,   godere   di   ogni   istante,   ogni   bacio,   ogni   carezza,   ogni   coccola… fino   al   fatidico   attimo   in   cui   si   diviene   una   cosa   sola.   Ed   in   questo   contesto   assumono   una   particolare   importanza   i   preliminari,   che   - parafrasando    -    possono    considerarsi    i    gesti    sensuali    che    permettono,    a    poco    a    poco,    di    passare    al    momento    immediatamente successivo.   Questo   ha   la   sua   importanza   quindi   anche   quando   la   coppia   non   è   già   completamente   affiatata,   anzi   permette   di   vivere   la prima volta con l'intensità che merita, facendo passare in secondo piano la vera e propria durata dell'atto in sé. Gli accorgimenti Quando   si   fa   l'amore   -   e   ciò   vale   in   particolare   la   prima   volta   -   non   necessariamente   si   intende   anche   procreare. Anzi,   solitamente   questa ipotesi   viene   considerata   un   vero   e   proprio   spauracchio,   che   riesce   ad   influire   psicologicamente   in   modo   tale   da   rovinare   il   piacere   e l'intensità   del   momento.   Ecco   perché,   oltre   alla   disponibilità   di   un   luogo   sicuro,   sarebbe   veramente   il   caso   di   dotarsi   delle   migliori precauzioni   quando   si   intende   fare   l'amore.   Per   non   stare   poi   qui   ad   evidenziare   il   tema   delle   malattie   sessualmente   trasmissibili   -   fra l'altro   sempre   in   agguato   anche   quando   pensiamo   di   conoscere   molto   bene   il   nostro   partner.   Quindi,   sia   lui   che   lei,   hanno   molte   modalità per   difendersi   da   sgradite   sorprese,   che   possono   influire   negativamente   su   una   vita   intera.   È   indubbio   che   farlo   in   maniera   naturale, senza   bar-riere   fisiche   tanto   per   intenderci,   sia   tutta   un'altra   cosa.   E   che   sia   il   dare   che   il   ricevere,   questa   volta   in   senso   fisico,   sia particolarmente   appagante.   Ma   il   "gioco   non   vale   la   candela",   si   dice.   Per   cui   meglio   ritardare   di   qualche   tempo   l'estrema   intensità   del piacere, piuttosto che rimpiangere di averlo fatto! Il dopo Sia   che   lo   si   faccia   per   la   prima   volta   che   nelle   svariate   volte   successive   l'affiatamento   dell'attimo   ed   il   completo   appagamento   dei   sensi, e   non   solo,   lo   si   può   ben   comprendere   dal   dopo.   Quando   si   fa   l'amore,   il   dopo   -   con   particolare   riferimento   a   come   ci   si   senta   subito   dopo -   ha   la   sua   fondamentale   importanza.   Se   ciò   che   avete   provato   è   solo,   sep-pur   appassionato   e   travolgente,   un   appagamento   fisico… ebbene,   non   era   esattamente   quello   il   partner   per   voi.   Ciò   nell'uomo   è   senz'altro   più   marcato,   in   quanto   il   piacere   fisico   è   alquanto meccanico   ed   avviene   sostanzialmente   con   l'eiaculazione,   al   termine   della   quale,   nel   momento   in   cui   si   ritorna   in   sé,   ci   si   chiede   magari   il perché   lo   si   è   fatto.   Se   al   contrario,   accompagnato   dall'istintivo   ed   immancabile   effetto   relax,   vi   è   anche   una   irrefrenabile   voglia   di   tenere abbracciati   a   sé   il   partner   e   continuare   lo   scambio   di   coccole   e   tenerezze   fin   quasi   a   perdere   i   sensi,   e   magari   addormentarsi   con   i   corpi ancora   saldamente   uniti   tra   loro…   allora   si   può   dire   di   aver   veramente   fatto   l'amore…   magari   in   una   splendida   ed   indimenticabile   prima volta.
In   una   Parigi   apparentemente   pacifica,   immersa   nel   torpore   della   primavera del   1968,   il   giovane   studente   americano   Mattehew   arriva   per   studiare   il francese.   Inizialmente   mostra   difficoltà   a   socializzare   e   l'unico   suo   rifugio diviene   il   cinema   che   riesce   a   trasportarlo   in   una   realtà   che   pare   distante. Durante   l'occupazione   della   Cinémathèque   française   da   parte   degli   studenti,   Matthew incontra   Isabelle,   che   si   mostra   subito   aperta   e   presenta   il   nuovo   amico   al   fratello gemello   Théo.   Matthew   comincia   a   frequentare   i   suoi   nuovi   amici   francesi,   i   quali   poi lo invitano a convivere con loro. Restando   a   stretto   contatto   coi   gemelli,   Matthew   scopre   in   loro   un'intimità   estrema,   e viene   spesso   trascinato   in   un   delirio   di   erotismo   che   li   porta   a   conoscersi   sempre   più profondamente.   Ci   vuole   poi   una   scommessa   per   fare   capire   a   Matthew   di   essersi invaghito   di   Isabelle.   Il   film   si   conclude   in   maniera   inaspettata:   i   ragazzi   tornano improvvisamente    alla    realtà    dei    moti    studenteschi,    dove    Isabelle    e    Théo    si concedono   alla   violenza,   mentre   Matthew   resta   in   disparte,   cercando   di   ridare   un senso   alla   sua   vita,   ormai   tanto   profondamente   segnata   da   Isabelle   e   Théo.   Il finale   testimonia   l'indissolubile   legame   che   unisce   i   gemelli,   e   costringe   Matthew, che se ne sente irrimediabilmente escluso, ad arrendersi all’evidenza.
LA PRIMA VOLTA DI EVA GREEN NEL FILM “THE DREAMERS”
“The Dreamers - I Sognatori” è un film del 2003 diretto da Bernardo Bertolucci. Il film è basato su un racconto di Gilbert Adair “The Holy Innocents”. Adair ha anche scritto la sceneggiatura del film. Clicca sull’immagine per visionare la prima volta di Eva Green nel film “The Dreamers”.
La mia prima volta
Ecco anche la tua
Natolibero.it
Informazione e Opinione