La mia prima volta
Ecco anche la tua
© Natolibero.it 2014
A casa sua Sembra   essere   passato   così   tanto   tempo   da   quando   successe,   avevo   soltanto   13   anni,   che   mi   sembra strano rievocare certi ricordi. Stavo   giocando   nel   giardino   di   casa,   quando   vedo   la   mia   vicina.   Una   ragazza   più   grande   di   me   di qualche   anno,   credo   ne   avesse   16,   forse.   Non   ricordo   bene   come   si   chiamasse   ma   mi   invitò   a   casa sua a prendere qualcosa da mangiare. Io   ci   andai   soprattutto   per   quel   motivo,   sapevo   che   la   madre   infornava   le   torte   più   squisite   del vicinato, ma c'era qualcos'altro in lei che mi piaceva. Insomma, mi stava molto simpatica. Io   non   so   che   cosa   avesse   trovato   in   me.   Il   quartiere   pullulava   di   ragazzini   carini,   molto   più   carini   di me. Ma evidentemente il fatto che abitavamo una di fronte all'altro mi aveva agevolato molto. Credo    che    nell'intimità    della    sua    cameretta,    la    cui    finestra    si    affacciava    sul    mio    giardino,    mi osservasse   spesso   di   nascosto,   mentre   ero   intento   a   tagliare   l'erba   del   prato,   oppure   in   piena   estate mentre mi tuffavo dentro la piccola piscina che babbo ci montava ogni anno. Io    invece    non    mi    interessavo    molto    di    lei.    Pensavo    piuttosto    a    giocare    per    i    fatti    miei,    o    a rinchiudermi nella mia stanza con la playstation ed i miei videogame preferiti. Altri   ragazzini,   anche   più   piccoli   di   me,   ma   molto   più   precoci,   sapevo   invece   che   si   riunivano   -   anche in   gruppo   -   con   loro   coetanei   di   entrambi   i   sessi   e,   magari   anche   tra   una   fumata   e   l'altra   -   si scambiavano pure le prime effusioni amorose. Cose   che   a   me   in   quel   periodo   non   interessavano   affatto,   anzi   le   ritenevo   delle   vere   e   proprie smancerie   da   telefilm   americani,   in   cui   tutto   -   di   riffa   o   di   raffa   -   ruotava   sempre   attorno   all'amore o al sesso. Quella   volta   in   cui   mi   invitò   per   fare   merenda   a   casa   sua,   quindi,   lo   feci   assolutamente   per   pura golosità. Da   lì   in   poi   andai   a   trovarla   spesso,   fino   a   che   un   giorno   non   mi   disse   di   salire   ad   aspettarla   in camera sua, perché aveva da fare delle cose. Furono   momenti   alquanto   imbarazzanti,   mi   sentivo   fuori   luogo   nella   cameretta   di   una   ragazzina, così diversa dalla mia. Ogni    secondo    che    trascorreva    mi    sembravano    ore,    e,    per    passare    il    tempo,    cominciai    a    dare un'occhiata qua e là. Le   sue   mensole   erano   stracolme   di   piccoli   oggetti,   tra   cui   una   miriade   di   sorpresine   kinder.   Altre piene di peluche, tipico - pensavo - per una ragazza. Notai   anche   una   serie   di   fotografie   accuratamente   ritagliate   che   formavano   un   puzzle,   sembrava   un quadro   con   il   ricordo   di   tutte   le   sue   vacanze,   ed   in   vari   scatti   era   in   compagnia   di   ragazzi,   uno   più carino dell'altro, molto più carini di me. Mi   spostai   verso   la   finestra,   e   fu   in   quell'occasione   che   mi   accorsi   che   dava   direttamente   sul   mio giardino,   e   che   quindi   ogni   mio   minimo   movimento   poteva   tranquillamente   essere   spiato   senza essere visti. Non ci feci però molto caso in quel momento. Ero   alquanto   stufo   di   aspettare,   e   il   mio   stomaco   cominciava   a   brontolare   senza   quelle   squisite   fette di torta a cui ormai l'avevo abituato. L'occhio   mi   cadde   per   un   istante   sul   polso,   e   m'accorsi   che   dopotutto   non   erano   trascorsi   ancora   che una   manciata   di   minuti.   Quindi,   sbuffando,   mi   sedetti   sul   ciglio   del   suo   letto,   e   per   fare   trascorrere più   velocemente   il   tempo   mi   scartai   una   gomma   da   masticare   e   cominciai   a   trastullarmi   nervo- samente i pollici. La   porta   si   apre   all'improvviso   e   lei   spunta   fuori.   I   corti   capelli   castani,   la   sua   pelle   pallida   e bagnata. Ha indosso soltanto un asciugamano. Se lo toglie di dosso e mi chiede: "Ti piaccio?". Sgrano   gli   occhi.   Le   mie   mandibole   che   fino   a   qualche   istante   prima   masticavano   con   forza   una   cicca si   bloccano   di   colpo.   Il   mio   primo   pensiero   fu   quello   di   fuggire   via   di   corsa   da   quella   stanza,   o almeno   di   portarmi   subito   entrambe   le   mani   sul   viso,   nell'infantile   tentativo   di   scomparire   dalla scena. Rimasi invece impietrito, a bocca aperta. "Allora?",   disse   passandomi   una   mano   su   e   giù   per   gli   occhi   come   a   verificare   una   mia   eventuale improvvisa cecità! "Che, ti sei incantato?", e con molta sfrontatezza si mise a slacciarmi la cinta dei pantaloni. "Ora fammi vedere come sei fatto tu!". Mi    sembrava    di    rivivere    in    una    forma    inconsueta    quello    che    da    bambini    si    faceva    giocando innocentemente   al   dottore.   Ma   allora   erano   altri   tempi,   e   soprattutto   non   v'era   il   pericolo   di   strane reazioni collaterali. Poiché   restai   impietrito,   ed   ammutolito,   lei   lo   prese   per   un   silenzio   assenso,   e   senza   che   potessi minimamente oppormi mi tirò giù i calzoni. Inizialmente    si    limitò    a    guardarmi    dentro    i    boxer,    scostandomeli    leggermente    affinché    potesse vedere cosa ci si nascondeva dentro. Inutile dire che era ben visibile tutta la mia eccitazione, col mio coso che saltò su come una molla. "Accidenti!", mormorò, per poi aggiungere subito "Com'è bianco!!!". In   effetti   le   mie   parti   basse   contrastavano   molto   con   il   resto   del   corpo,   abbronzatissimo   per   tutti quei tagli d'erba fatti a torso nudo. "Mi fa impressione… ", disse. Lo volli prendere per un complimento! Siccome    rimanevo    fermo    come    una    statua,    e    soprattutto    non    spiaccicavo    una    parola,    incalzò nuovamente lei: "La vuoi toccare?". Feci   cenno   di   no   col   capo,   ma   lei   prese   la   mia   mano   e   se   la   mise   proprio   lì   fra   le   sue   cosce   di velluto. Era   la   mia   prima   volta   in   tutti   i   sensi,   non   avevo   mai   toccato   una   passerina   pelosa.   I   miei   ricordi andavano   ai   giochetti   d'infanzia,   con   le   mie   coetanee   di   allora   che   sì   e   no   potevano   avere   sei-sette anni al massimo. Sentivo che era bagnata, ma pensavo che fosse dovuto alla doccia che aveva appena fatto. Lei   aveva   invece   già   una   discreta   esperienza,   e   lo   compresi   benissimo   quando   mi   disse   molto candidamente che non ero poi messo male per uno della mia età. Nel   vedermi   quasi   privo   di   peluria   si   mise   a   ridere:   "Sembra   proprio   quello   di   un   bambino!",   e   iniziò ad accarezzarmi le parti intime suscitandomi intensi brividi lungo la schiena. Senza   nemmeno   darmi   un   bacio,   mi   spinse   all'indietro   sedendosi   sopra   di   me,   e   cominciammo   a farlo.   Non   avevo   mai   sentito   delle   sensazioni   simili   e   fu   allucinante   per   me   rendermi   conto   di   quanto potesse darti una persona con il proprio corpo. Nei   giorni   successivi   lo   facemmo   tante   altre   volte,   a   qualunque   orario,   sempre   e   ovunque.   I   nostri incontri divennero un pretesto per fare la cosa che ci riusciva meglio: sesso. Poi   un   giorno   scoprii   che   se   ne   era   andata.   Traslocò   e   non   la   rividi   per   tantissimo   tempo.   Ci rincontrammo   per   puro   caso   durante   una   manifestazione,   ma   lei   era   tra   amici   e   non   mi   salutò nemmeno. Non ci restai troppo male e stranamente non me ne fregò assolutamente nulla. In   effetti   l'avevo   da   tempo   rimpiazzata.   Questa   volta   teatro   di   scena   era   divenuta   la   mia   cameretta e compagno di giochi il mio nuovo vicino di casa, di un solo anno più piccolo di me. Fu così che scoprii di essere bisessuale… un'esperienza da orgasmo!
(*)   Sono   consapevole   che   la   storia   che   scriverò,   che   rimarrà   completamente anonima ,   potrà   essere   pubblicata   su   questo   sito   web   e   utilizzata   per   fini   di   studio e/o letterari. Pertanto rinuncio a qualsiasi diritto o royalty per quanto da me inviato.
Natolibero.it
Informazione e Opinione